COME SI PREPARA UN’ESSENZA FLOREALE SECONDO IL METODO ORIGINALE DEL DOTTOR BACH?

I Fiori di Bach sono preparati con il metodo della solarizzazione o della bollitura, a dipendenza del periodo di fioritura dei vari fiori e dei vari alberi.  La solarizzazione viene svolta nei mesi più caldi, quando il sole è più forte, mentre nei mesi dove il sole rimane più debole, le essenze vengono preparate secondo il metodo della bollitura. 

Ora vediamo nel dettaglio il procedimento per preparare un’essenza floreale col metodo della solarizzazione.

Occorre procurarsi:

  • acqua dolce pura, meglio se di sorgente locale appena sgorgata

  • una ciotola di vetro sottile, non marcato

  • forbici di legno (o ceramica)

  • una bottiglia di vetro scuro

  • brandy, preferibilmente biologico (o di buona qualità)

  • imbuto e carta da filtro

Nella fase di preparazione è buona cosa lasciare spazio all’intuizione piuttosto che alla razionalità, ricordandosi che l’amore, il rispetto e la gratitudine sono le cose più importanti quando si prepara un rimedio floreale. In connessione con Madre Natura ci rendiamo puro strumento per co-creare un’essenza che aiuterà il processo di autoguarigione di un Essere Umano, attraverso la consapevolezza, la conoscenza di sé e la comprensione del proprio disegno divino.

Come suggeriva il Dott. E. Bach, iniziare presto la mattina, cercando di aver raccolto tutti i fiori necessari già entro le ore 9, in modo da poter garantire almeno 3 ore di sole ininterrotto prima di mezzogiorno (questo perché l’energia del sole diventa drenante anziché energizzante dopo le ore 12).

Quindi individuati luogo e fiori procedere così:

  1. posizionare la ciotola accanto ai fiori con cui si sta lavorando in modo da sfruttare il pieno sole.

  2. riempire la ciotola con l’acqua di sorgente.

  3. mettersi in atteggiamento di ascolto e raccogliere abbastanza fiori per riempire la ciotola, toccandoli il meno possibile e facendoli cadere delicatamente sulla superficie dell’acqua finché essa sia uniformemente coperta da essi.

  4. Lasciare la ciotola in pieno sole, con un cielo senza nuvole, per circa 3 ore o fino a quando i fiori iniziano a “svanire” (ciò potrebbe anche avvenire in un tempo inferiore a quello prestabilito).

  5. togliere i fiori con un gambo o una foglia della stessa pianta e filtrare con carta da filtro, per garantire la rimozione di residui di parti vegetali.

  6. riempire metà della vostra bottiglia di vetro scuro con l’acqua di fiori e l’altra metà con il Brandy. Ciò che si ottiene è la Tintura Madre, etichettare con la data e il nome del fiore.

  7. infine si prepara la Stockbottle dell’Essenza Floreale mettendo 2 gocce della Tintura Madre in un flaconcino da 10 ml riempito di Brandy.

La Stockbottle contiene l’essenza floreale pronta all’uso, da essa si preleveranno le gocce necessarie per la preparazione di miscele personalizzate o per tutti gli altri usi possibili.

Quando la fioritura avviene in un periodo dell’anno in cui il sole è più debole viene adottato il metodo della bollitura. Pertanto le fasi descritte ai punti 3 e 4 vengono cambiate cosi:

raccogliere le gemme o i fiori con i gambi e metterli nella ciotola, aggiungere l’acqua, trasferire il tutto in una pentola e bollire per circa 30 minuti, senza coperchio, rimestando con un ramoscello della stessa pianta, facendo attenzione che tutto il contenuto rimanga sotto il livello dell’acqua. Poi mettere il coperchio e lasciar raffreddare. Infine filtrare con carta da filtro ottenendo la Tintura Madre. Da qui il procedimento si completa come per il metodo della solarizzazione.

Precisazioni

Tutto il materiale che si utilizzerà va sterilizzato con una bollitura gentile per circa 30 minuti, asciugato ed avvolto in un panno bianco di cotone pulito.

Scegliere un luogo dove i fiori crescano spontanei (selvatici), dove non ci siano interferenza di animali o persone, in zone dove le energie della Terra siano il più autentiche e pulite possibili e perciò lontano da centrali elettriche e forte inquinamento

Non usare materiali metallici per rimuovere le parti erbacee dall’acqua, ma solo i rametti della pianta o un bastoncino di legno.

E’ importante che le mani nude non tocchino i fiori, usare le pinzette, questo per evitare che le proprie  vibrazioni interferiscano con l’Essenza, raccogliere solo gli esemplari più belli dei fiori, quelli giunti a perfetta maturazione.

Mai conservare i rimedi floreali vicino a fonti di luce o calore o di onde elettromagnetiche, mai lasciarli nei pressi di televisori, computer, casse acustiche o vicino ai telefoni cellulari.